Questa discussione è chiusa

TSE
 Strani varchi...
#11

Ora che mi sono avvicinata abbastanza, posso dire senza ombra di dubbio che il denobulano è disarmato, cosa che - ovviamente - non mi fa per niente piacere. Ascolto la sua risposta senza in realtà sentirla, mentre cerco di tenere a bada la mia rabbia e la mia frustazione. A quanto pare, la mia unica possibilità di uscire di qui senza finire colpita da un certo phaser, è quella di prendere il mio 'collega' come ostaggio. Mi avvicino ancora un po' a lui, mentre penso: L'importante ora è che la Sicurezza tardi ancora un po'...

Ma, quasi a prendemi in giro, eccola che entra nella stiva accompagnata da una squadra medica. Nella mia mente si susseguono una serie di insulti in romulano, ma sto ben attenta a non farmeli uscire di bocca: a questo punto devo rinunciare al possibile ostaggio (non che fosse molto utile in quelle condizioni) e continuare con la mia recita di brava vulcaniana. Il tempo che basta, almeno, per trovare una via di fuga. Una via che devo assolutamente trovare prima di arrivare in infermeria, a costo di tentare una fuga disperata per il corridoio. Se riuscissi ad arrivare al teletrasporto... oppure potrei provare a lanciare il segnale di soccorso e farmi recuperare dalla T'Met, ma rischierei di rivelare la sua posizione ai federali e di mettere in pericolo la missione. Rifletto, mentre ci incamminiamo per il corridoio. Non che la missione ormai non sia stata compromessa... Mi dico per l'ennesima volta, per quanto la cosa mi lasci l'amaro in bocca. Ma quello che è successo non può essere considerato colpa mia: sicuramente il mio rapimento da parte di quel cosino alato è stato un imprevisto niente male.

Cercando di evitare movimenti bruschi e di comportarmi naturalmente, recupero il mio comunicatore e lo attivo, inviando il segnale di soccorso.
#12

L'astrometria era silenziosa. Era un giorno piuttosto tranquillo, e stavo giusto per finire il mio turno... proprio mentre stavo per dare il mio cambio, l'allarme intruso suonò nelle mie orecchie. Secondo le istruzioni della plancia, dovevo cercare di ricercare l'intruso. Ma niente da fare, l'intruso era a quanto pare introvabile Bene, partiamo col piede giusto! dissi. Ritentai un'altra volta, ma niente. Sarà meglio che mi aggiunga alle squadre di ispezione... dissi al guardiamarina appena entrato in servizio. Così impugnai il phaser e un tricorder impostato per ricercare tracce biologiche non in parametri standard con il resto dell'equipaggio e qualsiasi altra lettura anomala e mi unii alla squadra della sicurezza più vicina.

Dopo circa un'ora o forse meno di ricerca, sentii da un membro dell'equipaggio un'accaduto di qualche genere nella stiva. Ma tra le moltitudini di emergenze di quelle ore non ci feci molta importanza, oltre a sapere che non era nelle mie mansioni, sapevo che una squadra sarebbe giunta sul posto, quindi ritornai alla mia ricerca.

Arrivata al ponte sei, incontrai per puro caso la squadra di soccorso arrivata dalla stiva... captai una traccia biologica romulana sul ponte, e proprio mentre iniziai a correre verso la squadra, il tricorder rilevò un segnale di soccorso... Dannazione! fu l'unica cosa che riuscii a dire...
#13

Non ero ancora ben lucido, ma sapevo bene dove mi trovavo, nonostante riuscissi solo a vedere le paratie del corridoio.
Ero steso sulla barella e finalmente mi sentivo al sicuro. Dentro di si facevano spazio mille fantasie e mille domande. Pensai di essere diventato matto, pensai di trovarmi sul ponte ologrammi e di sognare. Beh io non ero un tipo che stava a pensare più di tanto quindi mi diedi un pizzicotto sul fianco, così da non dare troppo nell'occhio: essendo steso avrei dovuto muovere solo due dita... Appurato che non stavo sognando, mi stavo per esporre di più. Non mi importava di essere preso per pazzo. Volevo capire cosa mi era successo.
Computer, fine programma. dissi a voce alta e chiara. Il computer non rispose.
Era evidente che non mi trovavo sul ponte ologrammi.
#14

L'ufficiale romulano Dhivael s'Ehweia invia con successo il segnale di soccorso alla IRW T'Met, sul ponte vengono teletrasportati 5 ufficiali romulani che iniziano a sparare a vista sugli ufficiali della sicurezza e il personale medico. Tutti uccisi. Feezal Phlox, che si trovava sulla barella viene lasciato cadere, ma non viene colpito dalle guardie romulane.
La squadra di sbarco, dopo aver liberato la compagna romulana infiltrata attende ordini da lei stessa.

Nel frattempo, Metshly Cotey, ufficiale superiore addetto all'astrometria intercetta il segnale di soccorso con il suo tricorder. Il segnale è di chiaro stampo romulano, per l'ufficiale ci sono due scelte ora. Affrontare un gruppo di sei romulani armati (come indicato sul tricorder) o avvertire la plancia e chiamare rinforzi.
#15

Negli interminabili secondi successivi all'attivazione del segnale di soccorso, mi sento tremendamente tesa. Tensione da cui vengo quasi alleggerita dal 'Computer, fine programma.' del denobulano, affermazione che rischia seriamente di farmi scoppiare a ridere. Mi riesco a trattenere, ma non posso evitare che un leggero sorriso mi compaia sulle labbra, un sorriso probabilmente poco adatto ad una vulcaniana. Ma è solo un attimo e poi ritrono a controllarmi, e subito dopo cinque romulani si materializzano, ammazzando tutti i dannati federali. Beh... tutti escluso il denobulano in barella, che è come se non ci fosse visto le sue condizioni. Di conseguenza, non ho nulla da ridire sul fatto che sia stato risparmiato: l'importante è che a nessuno venga la brillante idea di discutere di informazioni riservate davanti a lui. Altrimenti dovrei ucciderlo personalmente.

Rifletto velocemente su cosa fare adesso. In effetti, in sei contro una nave intera di federali non possiamo far molto, nemmeno - probabilmente - nascondere le tracce del nostro passaggio. Non che io mi preoccupi dell'incolumità dei miei colleghi: se mandarli in una missione suicida porterebbe risultati soddisfacenti, lo farei senza esitare, nonostante mi abbiamo appena salvato. Ma far saltare in aria la nave, ad esempio, oltre che essere difficile senza preparazione, significherebbe attirare ancor di più l'attenzione. Non sarebbe difficile per i federali collegare la presenza di una strana 'vulcaniana' e la distruzione di una loro nave alla probabile presenza di romulani. Maledetto cosino volante! Se tu non fossi già morto, mi divertirei a strapparti le ali! Mi ritrovo a pensare.

"Andiamocene." Mi limito quindi a dire, in romulano, nonostante io sappia che il traduttore universale del denobulano gli permetterà di compredere quello che ho detto: semplicemente sono dannatamente stufa di parlare in standart. Tanto ormai la nostra presenza sarà stata rilevata: dobbiamo sbrigarci ad andarcene prima che attivino gli scudi.
Questa discussione è chiusa


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)