Questa discussione è chiusa

USS Eternity Il risveglio della Constellation: Inseguendo la Constellation...
#1

John Ruthven
Human
Terra, San Francisco
Quartier Generale della Flotta Stellare
Ufficio dell'Ammiraglio John Ruthven


Sono scioccato. Posso capire - anche se non approvare - che Sheppard non ami prendere gli ordini da me... anzi, da tutto il Comando, ma non riesco proprio capire a che pro abbia disubbidito agli ordini. Con tutti i guai che lui e la sua Sezione hanno combinato, non può per una buona volta ubbidire e dirigersi verso la zona neutrale? Invece, da quello che l'intelligence mi ha riferito, è più che evidente che la U.S.S. Constellation si sta dirigendo verso il quadrante beta, ma non di sicuro per raggiungere la zona neutrale. Se analizzo i dati che mi sono stati inviati, più che verso il settore 030, sembra che Sheppard si stia dirigendo verso il 005 o il 006. Il 008, al massimo. Rifletto, osservando con attenzione il terminale del computer, dove è presente una mappa dei due quadranti con segnate tutte le posizioni in cui la Constellation è stata localizzata negli ultimi due giorni.

Cosa ha intenzione di fare? Mi domando. E io come posso fermarlo? Il Comando mi ha chiesto di indagare sulla cosa, dimostrando per l'ennesima volta che sono solo io quello che si occupa di Sheppard. È il loro modo di lavarsene le mani: occupatene te così la Sezione 31 ce l'avrà con te e non con noi. Assurdo.

Metto da parte, almeno per il momento, la mappa, e accedo ai dati personali di Harris. Nonostante quello che mi ha detto Suder, sento di potermi fidare di quel comandante. Anche se ci fosse stata una qualche influenza su di lui da parte del klingon, alla fine tutto è andato per il meglio. Se non si considera la situazione critica con i romulani, ovviamente. E, per di più, Harris è uno dei pochi 'pazzi' che - come me - non si fanno troppi problemi ad andare contro alla Sezione 31. Se devo chiedere supporto a qualcuno, l'unico di cui mi possa fidare è lui.

Attivo le comunicazioni esterne e mi metto in contatto con l'Eternity. Appenna l'addetto alle comunicazioni risponde, gli chiedo di passarmi - in privato - Harris.

Alcune informazioni:
- L'Eternity è attraccata a Earth Spacedock (Terra) quando riceve la chiamata di Ruthven;
- Sheppard, come sapete, è diretto a New Vulcano, che è a sedici anni luce dalla Terra;
- La velocità di emergenza dell'Eternity è di warp 8 per 2 ore. Visto che la Constellation è in viaggio da due giorni, per raggiungerla l'Eternity dovrà alternare il warp 7 al warp 8, raggiungendo la Constellation - ormai a New Vulcano - in circa sei giorni. È possibile aprire role ambientate in questi sei giorni di viaggio o prima della partenza: queste eventuali role saranno considerate esterne alla quest, quindi vi potranno partecipare anche pg non iscritti alla quest ma che fanno parte dell'equipaggio dell'Eternity. In questo topic verrà ruolata la partenza della nave e il suo arrivo alla Stazione Midway: i sei giorni di viaggio, quindi, saranno 'saltati' o riassunti dal master in un unico post;
- Inizialmente deve rispondere solo Egghy (anche perché l'addetta alle comunicazioni non partecipa alla quest e, quindi, verrà sostituita da un png XD), poiché Ruthven desidera parlare con il suo pg. Durante la conversazione, però, Harris è libero di chiamare qualsiasi altro ufficiale di cui senta il bisogno di sentire il parere (ad esempio i primo ufficiale o il capo ingegnere). ^^ Alla fine della conversazione si uniranno tutti gli altri;
- Visto che non siete in pochi, appena finita la conversazione Harris-Ruthven varrà la regola 'non rispondi entro sette giorni = salti il turno o il tuo turno viene rimandato'). Ma di questo me ne occuperò io come master. ^^

Legenda png:
(Sostituto) Addetto alle Comunicazioni: Guardiamarina Baltasar Aiza (Maschio, Umano)
(Sostituto) Navigatore e ufficiale alle armi: Tenente Edith Bohn (Femmina, Umana)
#2

Edward Alan Harris
Augmented Human
Capitano Harris.
La voce del Guardiamarina addetto alle Comunicazioni interrompe i pensieri di Edward Harris. Dica pure. Risponde lui tranquillo, leggermente scazzato.
C'è una chiamata per lei. La sposto sulla sua linea.
Ok Risponde ancora una volta svogliato il Capitano.
Preme un pulsante sul terminale accettando la comunicazione.
Il viso noto dell'Ammiraglio Ruthven, preoccupato ed infastidito.
Ammiraglio! Avevo sentito che era stato degradato! Quale onore e piacere comunicare nuovamente con lei! Dopo le formalità a carattere socievole, il viso di Harris tornaserio. Ha qualche problema, Ammiraglio?
#3

John Ruthven
Human
La mia chiamata viene passata ad Harris con una velocità encomiabile.

"Capitano Harris, il piacere è tutto mio. Anche se, purtroppo, questa non è una chiamata di cortesia." Rispondo alle sue parole, consapevole di quanto la velocità - in questo frangente - sia fondamentale. "Più che un problema mio si tratta di un problema per la Federazione, capitano." Continuo, senza nemmeno accennare ai miei problemi personali: che la Sezione 31 ce l'abbia con me è ormai un dato di fatto, ma io sono deciso a 'metter i bastoni tra le ruote' ai suoi membri almeno quanto loro sono decisi di 'mettere i bastoni tra le ruote' a me.

"Due giorni fa, l'ammiraglio Emil Sheppard ha ricevuto l'ordine di unire la sua nave a quelle che pattugliano i confini della zona neutrale romulana. A quanto pare, però, ha disubbidito e, attualmente, la U.S.S. Constellation si sta dirigendo da tutt'altra parte." Affermo, cercando di non far notare quanto la cosa mi dia fastidio. Se fosse per me, Sheppard non avrebbe più il comando di quella nave. Penso. Ma, purtroppo, il Comando ritiene che, per ora, sia meglio tenersi buona la Sezione 31. Peccato che il loro 'per ora' duri da secoli! "Per di più, sembra che Sheppard abbia disattivato le comunicazioni esterne, così ci ritroviamo impossibilitati a chiamarlo per richiedere spiegazioni e per ricordargli i suoi ordini."

Faccio una breve pausa, come per permettere ad Harris di assimilare le notizie e l'ultima bravata di Sheppard. "Avremmo bisogno di una nave che segua la Constellation, e di qualcuno di fidato che scopra quali siano i piani di Sheppard. Perché se ha disubbidito agli ordini in maniera così clamorosa significa che ha qualcosa in mente, e non son sicuro che ci piacerà."
#4

Edward Alan Harris
Augmented Human
Ruthven espone al situazione.
La Sezione 31. Sheppard.
I suoi argomenti preferiti.
Ripensandoci, in tutto questo tempo, non ho mai avuto occasione di incontrare questo "Ammiraglio" per chiedergli informazioni riguardo la presenza sua e di Claire Mayfair quel giorno sulla Base lunare...
Edward incrocia le braccia, si mette comodo sulla sedia. Donque pare proprio che l'inaugurazione della USS Eternity sarà rimandata, vero? Accenna uno sbuffo, tanto per fare qualcosa. Ma questo Sheppard non ne fa mai una giusta? E devo sempre rimediare io ai suoi danni?
Certo, l'ultima volta tutto sommato era andata bene: non era scoppiata una guerra, avevano trovato un alleato e per coronare il tutto lui aveva ricevuto un elogio e la fiducia di buona parte delle persone di spicco della Federazione.
Ma nonostante questo Sheppard non era stato nè degradato nè nient'altro. Tutte queste "preferenze" e raccomandazioni stanno cominciando a stargli sui nervi.
Dovrò trovare un altro modo per incastrarlo...persone come lui non si meritano il grado di Ammiraglio...che spetterebbe a me!
Si rimette formale sulla sedia, appoggiando i gomiti sulla scrivania e toccandosi i capelli dietro la nuca.
Va bene Ammiraglio. Raggiungerò la Constellation. Ma sarà l'ultima volta.
Quanti Capitani si potevano permettere di rispondere in quel modo ad un Ammiraglio? Pochi.
Ma Edward si sta innervosendo: Sheppard deve essere tolto di mezzo! Ha già messo la Federazione in un grosso rischio, rischio da lui neutralizzato, ed ora probabilmente sta ripetendo l'errore. Invece di imparare, disimpara...
In pochi attimi, un'idea viene in mente ad Edward. Forse vincente.
Dove si è diretta?
#5

John Ruthven
Human
La seconda frase di Harris, mi fa una strana impressione: in effetti, è la stessa cosa che mi sono domandato io. Quando mai Sheppard si deciderà di smettere di combinare guai? E perché me ne devo sempre occupare io? Mi domando quindi, per l'ennesima volta. Sul perché debba sempre rimediare Harris hai danni di Sheppard la risposta è semplice: so che la Sezione 31 non gli va molto a genio, e lo ritengo una delle poche persone in grado di fronteggiare Sheppard senza preoccuparsi di eventuali ritorsioni. Ma non mi sembra il caso di sottolinearlo... come non mi sembra il caso di commentare il suo 'ma sarà l'ultima volta': dopotutto, lo posso comprendere.

"Purtroppo non abbiamo le idee chiare sulla sua destinazione. La cosa certa è che si sta dirigendo verso il settore 005 o 006 a piena velocità. Stiamo tenendo d'occhio la Constellation con sonde e attraverso i vari satelliti, quindi sappiamo il tragitto che ha compiuto e dove si trova in questo momento: il problema è capire dove sia diretto e per quale motivo. Molto probabilmente, ha in mente qualcosa e se questo 'qualcosa' è simile all'idea dell'altra volta... come minimo ci troveremo di fronte ad un incidente diplomatico." Affermo, ricordandomi dell'intenzione di Sheppard di bombardare la Luna per eliminare la possibile minaccia klingon. Non ho idea di cosa potrebbe combinare per eliminare la minaccia romulana! Che sia tutto legato al suo sistema di occultamento difettoso? Vuole aggiustarlo o sostituirlo? Mi domando. No, non ho nessuna prova che convalidi questa teoria... e non ho modo di entrare nella testa di Sheppard.

"Le sto inviando adesso le informazioni che abbiamo." Aggiungo, trafficando un attimo col terminale per inviare il materiale. "Ogni aggiornamento della posizione della Constellation verrà inviato direttamente alla sua nave."

Mi ricordo di una cosa, quindi continuo: "La avviso che Sheppard ha disattivato le comunicazioni esterne della U.S.S. Constellation: ci è completamente impossibile comunicare con lui. Quando raggiungerete la Constellation avrete il permesso di compiere qualsiasi manovra che vi permetta di costringere Sheppard a riaprire le comunicazioni... anche dei colpi di avvertimento, se fosse necessario."

"Ora una domanda."
Dico infine. "La U.S.S. Constellation sta viaggiato a warp sette da due giorni. L'Eternity è una nave nuova, quindi non dovrebbe avere troppi problemi a raggiungerla, ma si tratterebbe comunque di sforzare i motori a viaggiare a warp otto... alternandolo, ovviamente, al warp sette. Quindi preferirei sapere cosa ne pensa il vostro capo ingegnere in proposito: sarebbe increscioso se per seguire Sheppard si danneggiasse una nave appena uscita dal cantiere."
#6

Edward Alan Harris
Augmented Human
L'Ammiraglio era ripetitivo...stava forse invecchiando? Si, senza dubbio, difatti ha ripetuto la stessa frase due volte in poco meno di due minuti: il fatto che Sheppard abbia disattivato le comunicazioni esterne.
Edward osserva i dati appena arrivati sul terminale...Settore 005 o 006...la stazione Midway! Ma perchè quell'idiota sta andando là?
Molte le risposte possibili ma solo un paio potevano essere realistiche: O la Constellation ha ancora bisogno di riparazioni..., assai strano dopo il suo "soggiorno prolungato" a Deep Space One...oppure, ripensando all'ultima volta in cui aveva avuto a che fare con quel personaggio...O Sheppard vuole confrontare le due intelligenze artificiali per capire perchè la sua non ha funzionato bene l'ultima volta, anzi, in pratica stava per uccidere l'intero equipaggio!
Il Capitano ringrazia il silenzio il suo intelletto superiore...ma così facendo si rammenta i motivi per cui ne è dotato...Io stesso sono un esperimento della Sezione 31...è senza dubbio per quello che voglio distruggerla da cima a fondo!
Guarda bene l'Ammiraglio Ruthven, è in un'età già avanzata e considerato lo stress cui è stato sottoposto ultimamente, il tempo avanza inesorabile più del normale su di lui.
Ammiraglio, come senza dubbio saprà, sono specializzato il molti campi. Ho esaminato io stesso il nuovo motore e sono certo che riuscirà a sopportare quell'elevato grado di stress. Non distruggerò la nave. Tuttavia, ho bisogno che Lei mi dia carta bianca sulla faccenda: farò ciò che sarà necessario.
#7

John Ruthven
Human
"Allora mi fido di lei e della sua competenza, capitano." Rispondo quindi, accontentandomi delle parole di Harris.

"E sì, le do carta bianca." Aggiungo. "Ciò che ha fatto Sheppard è grave: una nave che viola gli ordini del Comando potrebbe essere una minaccia per la Federazione. Quindi faccia tutto ciò che è necessario per fermare la Constellation. Mi prenderò io la responsabilità delle sue azioni, capitano."
Ok, prima o poi mi troverò un assassino che mi aspetta in casa... ma, fino ad allora, farò del mio meglio per rovinare i piani di Sheppard.

"Se non ha bisogno di altro, capitano, la lascio alla sua missione."

Il prossimo post deve essere di Egghy, poi - se Harris non ha più nulla da chiedere a Ruthven - possono postare tutti gli altri. ^^ Non c'è bisogno di aspettare l'intervento del master (che comparirà solo se io lo riterrò necessario XD), ma - ovviamente - siete pregati di rispettare i turni che si verranno a formare. ^^

P.S. Egghy, ricordati solo di chiamare in plancia il povero capo ingegnere (che anche lui ha una sua postazione in plancia) altrimenti rimane relegato in sala macchine. XD
#8

Edward Alan Harris
Augmented Human
Ottimo. Ruthven dice di fidarsi di lui, gli da carta bianca.
Se ne esce anche con la tipica frase "faccia ciò che riterrà necessario" che potrebbe essere attaccare apertamente la Costellation, tanto per provare i nuovi armamenti...ma Edward non è così battagliero, in tal caso preferisce usare l'astuzia anzichè la forza.
La ringrazio, Ammiraglio. Buon pomeriggio.
Il Capitano preme il tasto sul terminale e chiude la comunicazione, poi ne preme altri, ed alla fine si ritrova di fronte al viso ben conosciuto di Alexander Davis.
Capitano Davis. Avrei bisogno di uno dei gusci di salvataggio della sua nave, se possibile. Lo faccia portare all'hangar 1 dell'Eternity.
Poi mi raggiunga nel mio ufficio, ho urgente bisogno di parlarLe.

Ottenuto l'assenso di Alex, Edward chiude anche questa comunicazione. Congiunge le mani sotto il mento, occupato a perfezionare il suo piano.

Edward dovrebbe discutere con Alex Davis. Saranno pochi turni, però credo che non ci impiegheremo troppo in quanto Matthew è occupato con gli ultimi esami dell'uni...potremmo anche aprire un altro thread mentre parliamo bene e quì continuo scrivendo a cosa ha portato quel thread...boh Neris dimmi tu XD
#9

Alexander Davis
Klingon/Human
La comunicazione di Edward è arrivata proprio mentre stavo uscendo...
Vuole uno dei gusci di salvataggio della Korinar, chissà perchè.
Alex non se ne cura: ormai si fida del collega Capitano, cui cui fin dall'inizio ha saputo accantonare i pregiudizi al fine di collaborare per l'obiettivo comune.
Convoca l'equipaggio e predispone il trasporto di un guscio all'hangar dove l'Eternity è attraccata.
Si fa una doccia, indossa l'uniforme da Capitano, poi esce dall'alloggio.
Percorre i corridoi del grande porto della Federazione, sorpassando anche il punto in cui, pochi giorni prima, ha conosciuto buona parte dei nuovi ufficiali della nave di Edward.
L'Eternity si vede già da lì, maestosa ed elegante, gli ultimi preparativi per il volo inaugurale sono quasi terminati.
Una volta entrato, non si perde in osservazioni ma raggiunge subito l'ufficio del Capitano.
Edward è seduto alla scrivania, osserva il terminale, forse non si è nemmeno mosso da quando l'ha contattato.
Edward..sembri preoccupato, spossato..volevi vedermi?
#10

Edward Alan Harris
Augmented Human
Edward, mentre aspetta Alex, rimane a pensare riguardo l'attuale situazione: Sheppard è un suo superiore, quindi teoricamente, se gli ordinasse qualcosa, dovrebbe obbedire senza esitare, altrimenti significherebbe insubordinazione o forse addirittura ammutinamento, ma confida nella protezione del redivivo Ruthven per guadagnarsi punti e fiducia a discapito del Capo della Sezione 31.
Apre la comunicazione con gli addetti alla preparazione del volo inaugurale che, ahimè, sarà rimandato. Quì è il Capitano Harris. A breve arriveranno dei Klingon con un guscio di salvataggio, aiutateli a portarlo nell'hangar 1 della nave.
Bene, il piano si sta concretizzando.
Dopo qualche minuto, Alex Davis fa capolino nel suo ufficio.
Edward si alza e lo raggiunge, una forte stretta di mano e un mezzo abbraccio con pacca sulla schiena, poi torna a sedersi ed invita l'amico a fare lo stesso.
Congiunge di nuovo le mani sotto il mento, fissa gli occhi su Alex ed inizia a riassumere ciò che è appena accaduto.
Abbiamo un problema: Sheppard. L'Ammiraglio Ruthven gli ha assegnato il compito di pattugliare la zona neutrale, ma quel pazzoide ha preso la Costellation, ha disattivato le comunicazioni esterne e ha fatto rotta per la stazione Midway.
Dovremo andare al massimo della velocità per raggiungerlo, spero prima che raggiunga la sua destinazione. Poi, un paio dei tuoi dovranno salire sul guscio di salvataggio, che verrà lanciato verso la stazione prima che da là abbiano la possibilità di rilevarci. Se abboccherà all'esca, Sheppard, considerato il suo ego e indole, dovrebbe sparare sul guscio. A quel punto giungeremo noi, io lo contatterò e gli dirò di aver messo in pericolo i membri del tuo equipaggio ma soprattutto l'alleanza tra il potente Impero Klingon e la Federazione. A quel punto dovrà rispondere di molte accuse.
Questa discussione è chiusa


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)